“Il Natale”

Quando si parla del Natale si identifica la festività nella nascita di “Gesù”; che verrà poi chiamato l’Emmanuele, che nella sua interpetrazione significa” Dio con noi “. Yeshua dall’ebraico significa” il signore della slavezza”. Christos significa ” l’unto” ed è l’esatto equivalente della parola ebraica per “Messia”. Il figlio di Dio, la “Parola” eterna di Dio, si è fatta carne ed ha portato a compimento il suo ministero, affinchè coloro che credono in Lui siano salvati. Giovanni prese in prestito l’uso del termine ” Parola” non solo dal lessico veterotestamentario, ma anche dalla filosofia greca, in cui il termine era sostazialmente impersonale e identificativa il principio razzionale della “mente” o perfino della “sapienza divina”. La Parola era la potente espressione di Dio nella creazione. La Parola rinunciò volontariamente alla sua posizione celeste prendendo la forma di uomo, rimanendo ubbidiente fino alla morte sulla croce. In Filippesi 2:6-8 dice: il quale, pur essendo in forma di Dio, non considerò l’essere uguale a Dio qualcosa a cui aggrapparsi gelosamente, ma svuotò se stesso, prendendo forma di servo, diventando simile agli uomini; trovato esteriormente come un uomo, umiliò se stesso, facendosi ubbidiente fino alla morte. L’evangelista Luca, ci da un resoconto dettagliato della nascita di Gesù. Luca era medico ed accurato ricercatore, quindi si parla di una persona colta.La giovane Maria di Nazaret ebbe il singolare privilegio di essere scelta affinchè lei concepisse il figlio di Dio; fidanzata con Giuseppe, fallegname , discendente  re di Davide. Maria ricevette la visita dell’angelo Gabriele che le annunciò che avrebbe concepito attraverso lo Spirito Santo e partorendo un figlio maschio che avrebbe chiamato Gesù; in Luca 1:32 ” Egli sarà grande:sarà chiamato  figlio dell’Altissimo, e il Signore Iddio gli darà il trono del suo antenato Davide. E ancora in Luca 1:35 L’angelo le rispose: “Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra , perciò il bambino che nascerà sarà chiamato: Figlio di Dio”; ma ancora le dice nel versetto 1:36 “Non è tutto , ecco sei mesi fa tua cugina Elisabetta, che chiamavano << la sterile>>, è rimasta incinta nonostante l’età, (37) perchè nulla è impossibile a Dio. Luca è l’unico tra i quattro evangelisti a dare un nesso fra gli eventi che egli riporta e gli avvenimenti storici. La Palestina in quel periodo era sotto il governo dell’impero romano; era al potere Cesare Augusto, primo imperatore romano. In precedenza i territori giudaici erano esclusi dal censimento perchè proprio i Giudei erano esenti dal prestare il servizio militare nell’esercito romano e il censimento mirava principalmente all’arruolamento dei giovani al servizio militare. Questo nuovo censimento universale  avevo lo scopo di enumerare ogni famiglia e tribù ed è per questo che Giuseppe,  Giudeo,  dovette tornare alla sua tribù d’origine, proprio per registrarsi. Sia Giuseppe che Maria erano entrambi discendenti di Davide e quindi si recarono a Betlemme ( città natale di Davide). Con la nascita di Gesù a Betlemme si saebbe adempiuta la profezia riportata in Michea 5:2. Maria che doveva andare con lui, avrebbe dovuto partorire da un momento all’altro, e quando giunsero a Betlemme, non riuisirono a trovare neanche un posto dove alloggiare. Quando si fa la volontà di Dio non ci viene garantita una vita confortevole,ma è sicuro che i disagi a quali dobbiamo far fronte hanno un loro significato nei piani/o di Dio. Dio controlla l’evolversi degli avvenimenti storici:

  • Gesù naque nella città profetizzata in Mic.5:1;
  • Giuseppe e Maria discndenti di Davide ( in quanto doveva avere una discendenza regale) Is11:1; Ger.33:15; Ez. 37:24; Os. 3:5;

Luca 2:6-7 “Mentre erano là si compì per lei il tempo del parto; diede alla luce il suo figlio primogenito, lo fasciò, e lo coricò in una mangiatoia perchè non c’era posto per loro nell’albergo.” Le mangiatoie del tempo erano delle caverne con un trugolo scavato nelle pareti di roccia. I d’intorni erano bui e sporchi, luogo inaspettato per i Giudei dove potesse nascere il Re Messia.Gesù viene per risanare i nostri peccati.

Luca 2:8-11 ” In quella stessa regione c’erano dei pastori che stavano nei campi e di notte facevano la guardi al loro gregge. E ecco un angelo si presentò a loro e la gloria del Signore risplendè intorno a loro, e furono presi da gran timore. L’angelo disse loro:<< non temete, perchè io vi porto la buona notizia di una grande gioiache tutto il popolo avrà: ” Oggi nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è il Cristo, il Signore.  

Gesù è venuto perchè vuole insegnarci ad amare, per mostrarci quanto è grande l’amore del padre nei confronti dell’umanità. Per dirci che la cattiveria, il rancore, l’odio non portano frutti all’uomo; uomo come genere umano. Dio ci fa un grande dono nel mandarci Suo Figlio. Nasce il Re, il Messia tanto atteso, l’annuncio viene fatto dall’angelo a dei semplici pastori. Egli viene per coloro che hanno un cuore sufficentemente umile da poterlo ricevere. Non devi pensare di meritarlo, incomincia a riconoscerlo e ti accorgi che Gesù bussa al tuo cuore e non aspetta neanche che tu rispoda perchè egli è già entrato. Lui conosce i nostri cuori e noi facciamo parte del progetto di Dio. Il giusto termine è strumento, uno strumento viene usato ai fini di un’opera. Anch’io in questo momento che srivo sono usato da Dio perchè ti faccio leggere la sua “Parola”. Quale cosa più bella è quella di essere usati come strumento. Mi usa nel percorso del mio lavoro in ospedale, nella malattia delle persone ricoverate. Apri il tuo cuore fai nascere Gesù nel tuo cuore, accettando Gesù nel tuo cuore anche tu nasci in una vita nuova, Gloria a Dio, per ogni uomo che accetta Dio; gli angeli fanno festa nel cielo. Se hai letto quello che ho scitto,spero di aver stimolato in te una riflessione, e pensa che tenere Gesù nel proprio cuore è gioia e la vita ha un grande sapore in più.

La benedizione del Signore ci accompagni in ogni momento della vita.

Testi consultati:La vita pratica attraverso il Nuovo testamento e la Sacra bibbia con note e commenti di Joh MacArthur (Nuova riveduta 2006)